Cerca Punto SiEnergia
Menù Principale
· HOME
· Energie
· Territorio
· Edifici
· Incentivi
· News
· Eco-consigli
· Links
· Contattaci
· VIDEO
· PV GIS
Notizie

Rinnovabili

»L’addio al nucleare di Seoul trova un muro nella popolazione
Il nuovo governo sudcoreano promette un’era libera dal nucleare, ma la popolazione non sembra essere ...
»Urban bio-loop: i rifiuti alimentari diventano materiali da costruzioni
Dalle case costruite con i funghi ai tessuti prodotti con gli scarti della frutta: un nuovo report m ...
»L’allarme delle associazioni: pochi sbocchi per gli scarti del riciclo
Fluttero (FISE UNIRE): “Sta diventando sempre più difficile la gestione degli scarti da processi di ...


Data di pubblicazione: Fri, 20 Oct 2017 15:04:44 +0000
Dettagli
Sondaggio


Quali interventi di energia rinnovabile e risparmio energetico hai fatto a casa tua?



solare termico

fotovoltaico

cappotto / serramenti

caldaia a condensazione

impianto geotermico

nessuno

altro



Inviato da segreteria
Voti: 395
Sondaggi precedenti

Benvenuto
Nome di Login:

Password:


Ricordami

[ ]
Date / Time
 
W3C Compliance
Valid XHTML 1.1!
Valid CSS!

DOMOTICA: L'EVOLUZIONE DEL RISPARMIO ENERGETICO

domotica.pngLe nostre case sono in continua evoluzione tecnologica, la domotica si propone come una soluzione uniforme alle esigenze di personalizzazione, flessibilità e risparmio energetico della nostra abitazione. Abbiamo incontrato Massimo Favarin , architetto esperto di domotica.

Cos'è la domotica?
La domotica è la scienza interdisciplinare che si occupa dello studio delle tecnologie atte a migliorare la qualità della vita nella casa. Il termine domotica deriva dal greco domos che significa "casa". La domotica nasce nel mondo industriale per poi arrivare alla casa al fine di: migliorare la qualità della vita; migliorare la sicurezza; risparmiare energia; semplificare la progettazione, l'installazione, la manutenzione e l'utilizzo della tecnologia; ridurre i costi di gestione; convertire i vecchi ambienti e i vecchi impianti. La domotica unisce i singoli interventi di automazione e li integra in una gestione sistemica per ottimizzare energie e risultati. Il risparmio energetico si può sviluppare in vari modi: attraverso l'isolamento termico, le energie rinnovabili ed una gestione corretta dell'abitazione; la domotica può quindi, essere considerata l'evoluzione futura del risparmio energetico in quanto aiuta le persone a gestire correttamente la propria abitazione, ottimizzando i costi di gestione in base a quello che si fa, modificandosi in sintonia con te e le tue esigenze di vita.





arch_max_favarin_in_studio.jpgQuali sono i vantaggi della domotica?

La domotica svolge un ruolo importante nel rendere "intelligenti" apparecchiature, impianti e sistemi aiutandoti a gestire l'abitazione in modo da avere il miglior confort con la minor spesa.. Ad esempio un impianto elettrico intelligente può autoregolare l'accensione degli elettrodomestici per non superare la soglia che farebbe scattare il contatore, oppure monitora quello che tu non puoi controllare in un modo uniforme, migliora la sicurezza della casa, il confort abitativo e riduce i consumi energetici. La domotica funziona per "scenari; ad esempio lo scenario "ferie": si chiudono i balconi, si accendono i sensori di allarme, si stacca il gas e la corrente e l'apparato chiede a quale temperatura tenere il riscaldamento minimo. Se si programma di tornare domenica, la casa da sabato inizia a riscaldarsi; al rientro, si troverà un posto piacevole, caldo con in più il vantaggio di aver risparmiato energia. Con lo scenario ferie, è possibile impostare anche la simulazione di presenza, si aprono e si chiudono i balconi, si accendo le luci e la musica in tutta sicurezza. Altro esempio di scenario può essere lo scenario di rientro a casa dopo una giornata di lavoro; comunicata l'informazione a casa l'abitazione comincia ad accendere le luci e a portare la temperatura a stato ottimale. La casa diventa interattiva con l'utente. Altro vantaggio nelle case domotiche è la gestione della corrente, presente solo quando è necessaria, che riduce i campi magnetici al minimo indispensabile.

Ma la domotica non aumenta i consumi della nostra abitazione?
No, perché il sistema integrato elimina gli sprechi. Per esempio, con la domotica ci si dimenticherà più luci ed elettrodomestici accesi quando non servono oppure le finestre aperte in inverno. Per esempio, nel mio ufficio quando esco, in automatico viene tolta la corrente in tutte le stanze, tranne dove interessa a me, come il fax e i login d'ingresso, quindi non ho il rischio di avere cortocircuiti in ufficio e non ho consumi latenti. Altro esempio in una abitazione che sto seguendo, stiamo progettando il sistema di raccolta acque piovane "monitorato": il sistema indica quanta acqua ho in più o in meno, e la devia in irrigazione o in recupero in qualità di acqua sanitaria per i water; mi informa in modo intelligente sull'acqua disponibile e su eventuali rotture. La domotica mi aiuta per avere una corretta gestione del clima, un controllo dei carici elettrici, una riduzione dei consumi latenti dello stand-by, una illuminazione dinamica in funzione della luminosità ambientale: con poche azioni posso arrivare a risparmiare fino al 40% dei consumi domestici.

studio_favarin.jpgCosa succede se salta la corrente?
Come succede normalmente oggigiorno, si rimane senza luce. Spesso vengono dati anche in supporto agli impianti di domotica dei gruppi di continuità oppure ci sono anche sistemi manuali per sopperire alla mancanza di elettricità, come nel caso di dover sollevare le tapparelle.

L'utilizzo della domotica richiede competenze tecnologiche? No è alla portata di tutti, ci sono dei simboli molto chiari. Anzi spesso viene impiegato anche per semplificare la vita delle persone anziane o diversamente abili. Per dare i comandi si utilizza un tablet pc portatile (un piccolo schermo touch screen) oppure con l'i-phone o un cellulare di nuova generazione.

Un famiglia da dove potrebbe iniziare?
Consiglio la domotica soprattutto per le case singole o bifamiliari, principalmente per l'abitazione tradizionale. La cosa migliore sarebbe intervenire prima di avere installato tutti i cavi, in questo modo si può strutturare l'impianto in modo già intelligente e flessibile ed implementarlo ed integrarlo con nuove funzioni nel tempo. Gli interventi possono essere molteplici, inizierei installando i sensori di presenza per le luci e poi, a seconda dello stile di vita della famiglia, proporrei le soluzioni migliori per il caso specifico.

Parliamo di costi, quanto spendo per un impianto di domotica a casa mia?
I costi sono di circa il 20% superiori ad un impianto normale ed ha il vantaggio di essere flessibile nel tempo, una volta impostata la struttura di base posso migliorarlo ed implementarlo degli anni.

Quali gli sviluppi futuri della domotica?
L'ottimizzazione delle risorse energetiche sia di abitazioni che di aziende, semplificherà la nostra vita migliorando il comfort e regalandoci maggior tempo e meno stress. Potremmo integrare ed evolvere il nostro impianto civile e aziendale in base alle nostre esigenze senza essere vittime, come lo siamo oggi, di impianti tradizionali morti, non flessibili, ancora prima di iniziare a funzionare. Il consiglio che posso dare subito è di pensare la predisposizione di questa tecnologia, perché il futuro sarà domotico.

Per informazioni sulle energie rinnovabili e sul risparmio energetico chiama lo sportello PuntoSiEnergia allo 0499315600 interno 8 o visita il sito www.puntosienergia.it, lo sportello per le energie rinnovabili del Camposampierese.



Stampa veloce crea pdf di questa news